Dulcis in fundo

Tiramisù con crema di mela e ricotta, per tenerci strette le cose che abbiamo

Appartengo alla categoria di coloro che non mangiano a quattro palmenti nei buffet e che tutti guardano straniti quando si cerca di spiegare cosa sono le intolleranze.

C’è chi fa mille domande come se avesse davanti un marziano e confonde il lattosio con le uova (“Ma allora anche la frittata ti dà problemi?”) oppure chi si addolora per la mia vita tristissima e in fondo al cuore è felice di averla scampata (“Poverina, non so come fai a vivere senza formaggio e senza pizza. Io probabilmente sarei già impazzito”), infine – i miei preferiti – chi azzarda teorie strampalate e si perde per strada (“Sei celiaca per scelta? Anche il mio vicino di casa, sai, è vegano”).

Ci sono momenti in cui mi diverto a sentire questi sproloqui, altri in cui l’insistenza e il finto compatimento mi infastidiscono davvero, perché so quanto ho sofferto e quanti sacrifici ho dovuto fare per abituarmi, da grande, ad una serie di cambiamenti radicali nella mia alimentazione. A volte, semplicemente, sto zitta e dico che non ho fame.

In cucina servono soprattutto fantasia e voglia di sperimentare. Potrei obiettare che molti non-intolleranti non cucinano affatto, mangiano malissimo e arraffano al supermercato tutte le confezioni di cibo pronto che trovano – ne conosco diversi – , ma non porterebbe a niente.

Ho trovato un equilibrio e penso che in futuro non solleverò più la mia questione personale. Cucinerò piatti rivisti e corretti per me, orgogliosa del bene che mi faccio, e se capiterà, per chi avrà voglia di guardare un po’ più lontano.

In questo autunno sospeso e incerto in cui si procede a piccolissimi passi e spesso si ha l’impressione di camminare in tondo, nella cucina del Girasole serviva un dolce,  ed ecco il tiramisù crema di mela e ricotta. Anche se le cose non sono più come prima, possiamo essere grati di quello che è rimasto e tenerlo più stretto, proprio vicino al cuore. La ricetta è tratta dalla rivista distribuita dai supermercati Naturasì, ed è buonissima! 

INGREDIENTI PER 2 PERSONE

125 g di ricotta di mandorla

2 plumcake o una decina di biscotti senza glutine

una tazzina di caffè

2 mele dolci tipo Golden

1 cucchiaio di zucchero di canna

un pizzico di cannella

cacao per spolverare

Preparate la ricotta con il latte di mandorla.

Sbucciate le mele e cuocetele in poca acqua con zucchero di canna e un pizzico di cannella, fino a che saranno morbide.

Montate la ricotta con le mele per ottenere una crema soffice.

Bagnate i plum cake o i biscotti nel caffè senza inzupparli troppo. Disponete uno strato di plum cake sul fondo di un barattolo di vetro monoporzione, poi la crema di mele e ricotta, altro plum cake e così via, concludendo con la crema. Spolverizzate con il cacao.

Fate riposare nel frigo per un paio d’ore, ma servite a temperatura ambiente. Per la ricetta meravigliosa della ricotta senza latticini, tratta dal sito “Cioccolato e Liquirizia” di Welda, vi rimando al link 

https://www.ungirasoleincucina.com/2020/04/crepes-di-grano-saraceno-con-borragine-e-ricotta-al-latte-di-mandorla.html

You Might Also Like

No Comments

Ciao!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: