Browsing Tag:

piatti di famiglia

Secondi piatti di carne

UN PIATTO PIENO DI RICORDI…IL VITELLO TONNATO

Il blog ha quasi due anni e la ricetta del vitello tonnato è stata una delle prime che ho pubblicato – con un post abbastanza inguardabile ma tanta voglia di mettermi in gioco. Vi ripropongo il piatto in una versione aggiornata. E’ un grande classico della cucina piemontese e per prepararlo abbiamo seguito religiosamente i suggerimenti di mio suocero, a partire dalla carne, che in realtà non è di vitello ma di maiale, fino alla salsa tonnata. In questa ricetta ci sono anche i miei ricordi di famiglia, perché uno dei cavalli di battaglia della mia nonna paterna era proprio il vitello tonnato – lei lo chiamava vitel tonnè con un improbabile francese – e io mangiavo sempre tutta la salsa prima della carne…

Da questa ricetta in poi, con l’aiuto di Luca, inizierò a darvi consigli sugli abbinamenti cibo-vino. 

VITELLO TONNATO

Ingredienti per 4 persone

400 g di lonza o rotondino di maiale

mezzo vasetto di maionese pronta

una scatoletta di tonno da 80 g

una ventina di capperi

due foglie di alloro

succo di limone

a piacere, un cetriolino affettato

sale

Fate bollire la lonza in acqua con alloro e succo di limone fino a quasi completa cottura. Lasciate raffreddare la carne e tagliatela a fettine sottili circa 2mm.

Nel frattempo preparate la salsa.

Con un cucchiaio, mescolate il tonno e la maionese finché il tonno non è completamente amalgamato, poi unite una decina di capperi tritati. Per una salsa più cremosa e omogenea, potete tritare prima il tonno, sempre a mano, perché il minipimer renderebbe il composto troppo liquido. Se la salsa risultasse invece troppo solida, aggiungete olio d’oliva.

Disponete le fettine di lonza su un piatto da portata ovale, guarnite con i restanti capperi e il cetriolino affettato.

VINO CONSIGLIATO: Erbaluce di Caluso DOCG “Biancamano” 2015, Cantina Briamara di Cuceglio (TO)

Giallo paglierino, marcatamente floreale con piacevoli note citrine. Più caldo e fruttato in bocca, con un finale piuttosto lungo, caratterizzato da piacevoli richiami erbacei.

Ispirazioni/ Piatti unici

LA PIZZA FATTA IN CASA, buona e fragrante

La pizza fatta in casa viene da lontano. Molti anni fa un’amica di mia nonna ci passò la ricetta che usava nel suo ristorante e da allora le donne della famiglia- nonna e mamma –  l’hanno sempre preparata così. Questa pizza è ancor oggi l’appuntamento di molti venerdì o sabati sera.

Per me, la pizza fatta in casa è imprescindibile per due ragioni…

– E’ un fantastico antistress nel momento in cui la si impasta!

– Mi dà la possibilità di farcirla a piacimento senza dover ricorrere per forza alla mozzarella.

Avete notato quanto è limitata la possibilità di scegliere una pizza in pizzeria per un intollerante al lattosio?

Ci sono pizze con le più svariate farine nell’impasto e mille milioni di condimenti, dai salumi al tofu, ma sopra a tutte troneggia il formaggio. A noi intolleranti restano la pizza ai frutti di mare (che ad essere sincera qui al nord evito volentieri), la marinara e la siciliana. Poi, il deserto. O meglio, il paradiso per coloro che possono scegliere. Si può chiedere di aggiungere ingredienti al solo pomodoro della base, ad esempio olive o prosciutto, però manca sempre la morbidezza del formaggio e non è la stessa cosa! A casa invece mi sbizzarrisco.

Fra le mura domestiche ho a disposizione formaggio di riso, pecorino e parmigiano molto stagionati e posso finalmente gustare una pizza davvero simile all’originale. Non potete immaginare che felicità!

Naturalmente l’impasto è perfetto per chiunque, intollerante al lattosio o onnivoro. Basta avere voglia di cimentarsi con la bontà dei cibi home-made. Non fatevi impressionare dal fatto che nell’impasto ci sono latte e zucchero, che aiuta la lievitazione. Provare per credere…

Ingredienti per 1 kg di pizza (4 panetti da 400 g ciascuno)

una manciata di sale

una manciata di zucchero

un cubetto di lievito di birra

mezzo bicchiere di olio evo

330 ml di latte di soia

165 ml di acqua fredda

un kg di farina, anche integrale

Prendete una zuppiera grande e ponetevi gli ingredienti nell’ordine: sale, zucchero, lievito di birra, olio, latte e acqua. Lasciate riposare per mezz’ora senza coprire, poi aggiungete la farina e mescolate con un cucchiaio di legno.

Rovesciate l’impasto sul piano di lavoro, impastate energicamente fino a ottenere un panetto morbido ed elastico. La zuppiera dovrà diventare ‘pulita’ senza che vi rimangano tracce di farina.

Versate di nuovo il panetto nella zuppiera, coprite con un tovagliolo e fate lievitare per circa tre o quattro ore, fino a che l’impasto non avrà raddoppiato di volume.

Alcune note!

A me risulta comodo dividere l’impasto in quattro panetti da 400 g ciascuno e con questa quantità ottengo la pizza per due persone, grosso modo una teglia da forno. Di solito preparo l’impasto ma non lo consumo il giorno stesso – lo metto nel congelatore e lo uso all’occorrenza, avendo l’accortezza di toglierlo dal freezer almeno sei ore prima e di lasciarlo nel forno spento coperto da un tovagliolo.

L’impasto è perfetto anche per le pizzette. Per quanto riguarda la farina, io mi trovo meglio con quella bianca di tipo 0, perché con la farina integrale l’impasto cotto nel forno di casa risulta sempre umido e fatica a cuocersi.

Naturalmente se avete consigli da darmi sulle farine che usate, suggerimenti sulla farcitura, ecc., sarò contenta!

A proposito di farcitura, noi ieri abbiamo condito la nostra teglia con formaggio di soia, pomodorini e basilico; formaggio di soia, prosciutto cotto e caponata di carciofi; gorgonzola e pancetta; gorgonzola, scamorza, speck e olive verdi.

Secondi piatti di carne

ATMOSFERA DI DICEMBRE – AGNELLO CON SALSA SAPORITA

Questa ricetta fa parte dei piatti di famiglia che Luca ha portato “in dono” nella mia cucina. 

In realtà non si tratta di un piatto prettamente natalizio e lo preparo un po’ in tutte le stagioni…Così ho pensato di dar vita a una mini-rubrica di cucina del mese di dicembre. Qui inserirò le ricette che si mettono in tavola prima dei grandi pranzi della Vigilia e di Natale e che parlano non soltanto di luci sfavillanti, alberelli decorati e tovaglioli rossi, ma di quel che si mangia a casa Girasole in un mese d’inverno in bilico tra il quotidiano e l’attesa della festa. 

AGNELLO CON SALSA SAPORITA

Ingredienti per 4 persone

6 costolette di agnello

6-7 filetti di acciuga sott’olio

una manciata di origano

due cucchiai di prezzemolo

4 cucchiaini di senape di Digione

il succo di mezzo limone

olio evo

pepe

Marinate le costolette di agnello nel vino rosso con un filo d’olio e una spolverata di origano per alcune ore.

Pestate le acciughe nel mortaio insieme a un cucchiaio d’olio e all’origano fino ad ottenere una crema. Versate in una ciotola e mescolate la crema con il prezzemolo tritato, il pepe, la senape e il succo di limone.

Togliete le costolette di agnello dalla marinata, scolatele e asciugatele bene con carta da cucina. Passatele su una bistecchiera di ghisa calda facendo cuocere circa 10 minuti per lato, in modo che la carne rimanga tenera ma ben cotta.

Versate la salsa direttamente sulle costolette o servitela a parte accanto all’agnello. Servite accompagnando con patate al forno o altra verdura cotta (per noi finocchi).

CONSIGLIA Torta di mais